Benvenuto! Oggi é martedì, 25 luglio 2017
Seguimi su
Psicologia & Counseling
Psicologia & Counseling

La psicologia è una disciplina che studia i processi psicologici, consci ed inconsci, ossia la mente e quello che né è il diretto precipitato: il comportamento.

Con il termine  psiche, che un tempo designava l’anima, oggi indichiamo tutto quanto nell’uomo non appartiene alla sua sfera corporea e materiale bensì le funzioni cognitive, relazionali, emotive ed affettive, dette appunto funzioni psichiche. Così la psicologia studia il modo in cui pensiamo, ragioniamo, decidiamo, sogniamo, amiamo e desideriamo e perché ci comportiamo in un certo modo anziché in un altro.

La psicologia, in altre parole, si occupa di come funziona l’uomo e cosa succede quando sembra che l’uomo non funzioni più tanto bene. Grazie alla psicologia si è capito che frasi come “E’ più forte di me! Non posso farci nulla!” sono dei trabocchetti, oppure dire “Non mi far arrabbiare!” non è propriamente corretto, visto che siamo noi i primi responsabili delle nostre emozioni e, soprattutto, abbiamo il potere di gestirle al meglio.

Il noto monito del Tempio di Apollo “Conosci te stesso”, esemplifica al meglio il senso delle discipline psicologiche: la conoscenza di noi stessi e del mondo che ci circonda ci consente di vivere al meglio delle nostre possibilità, in armonia con i nostri desideri, perché consapevoli delle nostre motivazioni, ed in armonia con gli altri, perché capaci di mediare tra le nostre e le altrui esigenze.

Si può dire che dove c’è l’uomo c’è psicologia, ed infatti gli ambiti applicativi di questa disciplina spaziano dal contesto evolutivo a quello scolastico, dal familiare al lavorativo/aziendale sino a quello clinico, con intenti di cura e prevenzione del disagio esistenziale e patologico.

 Anche le forme con cui la psicologia entra nel quotidiano delle nostre vite sono varie:

·       psicologia dellorientamento, scolastico o lavorativo;

·       psicologia del benessere, fisico e mentale, con intenti più specificamente di prevenzione;

·      psicologia della formazione, la cui finalità è fornire conoscenze e competenze pratiche spendibili nel privato (si pensi al rapporto genitori/figli) come nel pubblico (leadership, gestione del conflitto, assertività);

·     psicologia clinica. E’ forse la branca più conosciuta: il suo oggetto è la prevenzione e la cura delle problematiche psicologiche e relazionali, a livello individuale, familiare e relazionale in genere.

Tra le forme di intervento psicologico personalmente privilegio il Counseling, una tecnica che ha acquisito negli ultimi decenni una particolare rilevanza, in quanto volta a lenire il disagio psicologico attraverso il recupero e lo sviluppo delle risorse e dei punti di forza della persona.

Accade spesso che la vita di ciascuno di noi  sia attraversata da  eventi negativi e dolorosi, per affrontare i quali, al meglio e più rapidamente, può rendersi necessario ricorrere   ad una figura professionale  in grado di ascoltarci e sostenerci con le competenze professionali che la situazione richiede.

Con il Counseling  supporto le persone in temporanea difficoltà esistenziale e/o relazionale a causa di un evento critico di vita:

·       crisi coniugale, separazione, divorzio;

·       crisi professionale, pensionamento, perdita del lavoro;

·       lutto, malattia, propri o di un congiunto;

·       stress lavorativo, mobbing, burn out;

·       controllo del peso, del fumo, stili di vita disadattivi;

·       eventi critici come la nascita di un figlio, la menopausa, un trasferimento, un cambiamento importante.

Il counselor interviene in qualità di esperto, che stimola e “riattiva” le risorse migliori della persona e i suoi punti di forza, guidandola nel percorso di crescita e cambiamento. Il fine ultimo è l'essere in grado di scegliere in autonomia il modo di realizzare i propri obiettivi, gestire le criticità e le conflittualità quotidiane.

Nel Counseling  risulta centrale il ruolo “attivo” assunto dall’individuo, funzionale  all’innesco di un autonomo processo decisionale e di cambiamento. Il rapporto che si instaura tra paziente e counselor è di collaborazione, il che significa che interviene in qualità di “esperto della relazione d’aiuto”, stimolando e riattivando le risorse migliori della persona, con una funzione di guida e orientamento utile a:

·       acquisire una visione realistica ed oggettiva del problema contingente;

·       superare blocchi e paure personali;

·       verificare convinzioni e punti di vista;

Il Counseling è indicato per tutte le persone che, al di fuori del particolare e momentaneo stato di sofferenza psicologica, godono di un normale livello di adattamento e funzionamento inter ed intrapsichico

Top